Immaginarmi di noi 

Un romantico quando uscite e torna a casa non pensa alla serata. No. 

Lui pensa già alle prossime, si immagina al parco, a guardare un film assieme, a stare abbracciati, a ridere di gusto. 

Non ce la fa, vede i dettagli, elabora dialoghi, gli viene da sorridere pensando a una situazione divertente, gli brillano gli occhi pensando a un momento dolce, tenero. 

Il romantico è così. 

Se gli piaci vede già oltre, e da questa cosa non si può guarire. 

Dagli innamoramenti preventivi, sfiorati coi sensi e la testa. 

C’è poco da fare, sentirà perfino le canzoni che passeranno alla radio. 

Lui, andrà oltre e sarà un po’ come se quei momenti li avesse già vissuti.  

Ecco. 

Questo fotte i romantici, l’immaginazione.

Annina Botta 

Annunci

Comunicazione di servizio 😊

Cari amici del blog, se volete seguirmi su Facebook potete farmi la richiesta di amicizia ad “Annina Botta” o seguirmi sia sul profilo personale che sulla pagina “guardando la luna da una cruna”. Mi farebbe molto piacere interagire con voi anche di là 😊 un abbraccione 

Il valore aggiunto 

Sono una figlia del Sud adottata dal Nord. 

Scrivo per la mia memoria, per le persone belle incontrate, per i momenti tristi e felici, per gli stronzi inevitabili. 

Lo faccio perché mi ritengo fortunata ad aver vissuto queste due realtà così diverse e speculari. 

Perché mi piace avere un accento ibrido e la “zeta dolce”. 

Perché sono una terrona ma un po’ polentona mi ci sento. 

Perché parlo e capisco due dialetti, che è un po’ come avere un master in lingue. 

Perché le etichette mi son sempre state strette. Le vedo giusto sui barattoli al supermercato. 

Perché il Sud non è solo criminalità e “scurdammc o passat simm e napule paisà”. 

E il Nord non è solo freddezza, avarizia e “goti e porchi”. 

Perché so cucinare sia la polenta onta che la pastiera napoletana, non è fantastico? 

Del Sud riconosco gli odori, soprattutto di pane e panni stesi al sole. Quel Sud che mi ha vista adolescente e che custodisce così tanto di me. 

Del Nord riconosco le sensazioni, quella di vedere la mia casa, le strade di sempre, le montagne che mi hanno guardata diventare donna mentre non me ne accorgevo. 

Mi sento una privilegiata. 

Ho potuto conoscere così tante persone diverse, così tante storie, ho due posti da poter chiamare “casa”. 

Negli innumerevoli viaggi su e giù è come se avessi fatto il giro del mondo, due volte. 

E questa non è solo la mia storia, è la storia di chiunque abbia radici che affondano altrove. 

È un’opportunità, un valore aggiunto. 

È poter conoscere e rispettare profondamente due mondi. 

Ogni volta che parto, indipendentemente dalla destinazione,  semino qualche pezzo solo per avere una buona scusa per ritornare. 

Dagli amici, dalla famiglia, dai luoghi di sempre. 

Poco importa se sia Nord o Sud, sarò comunque sempre a casa.

Annina Botta 

Dialoghi interiori: il ritorno 

Cervello: molto bene. Sento che stiamo trovando una buona sinergia! Siamo tranquilli, rilassati, sereni e… 

Cuore:vuoi dire soli come cani? Nessuno ci ama! 

Cervello:bè insomma non essere così pessimista, c’è la soddisfazione personale, la bellezza della natura, lo stare placidi a godersi i momenti di beatitudin

Vagina: io so solo che sto diventando una gattara! Voglio un pezzo di manzo prima di subito o giuro che vi prendo a bastonate con le tube di falloppio! 

Cuore: Gina dai non essere così materialista. Non vorresti che ti sussurrassero dolci parole d’amore? Un mazzo di fiori? Guardare le stelle? 

Vagina: Gina un corno! Mi sono rotta! Qui non si batte mai chiodo! Io mi rifiuto di lavorare con voi, è impossibile! Reclamo i miei diritti! 

Cervello: su su Gina calmati, quando arriverà la persona giusta, e poi c’è già un pretendente. Gentile, simpatico, distinto. Ti dice qualcosa? 

Vagina: ma chi? L’ultra ottantenne che offre il caffè? No! No! No! Non esiste! Vado in sciopero! Chiudo per ferie! Mi iberno piuttosto! 

Cuore: ma l’amore non ha età. Con un po’ di impegno forse… 

Vagina: zitto tu, fai solo danni! Stasera si va a ballare e comando io! 

Cervello:ma… Io… No scusa ma non si può, non si fa, il raziocinio impone che… 

Vagina: mi hai frantumato le ovaie, se fosse per voi sarei già in pensione. Io so ggggiovane ragazzi! Si festeggia yuppi uuuuuuh! Attenzione manzi, stasera Vagina arriva in città 😎

Annina Botta