Il valzer dell’orango 

​Mi viene in mente che da bambina ero proprio cazzuta.  Cioè no,  ero la classica sfigata,  ma con stile ecco.  

Ero quella bruttina,  magrolina,  pallidina,  col monociglio,  a volte secchiona a volte asina. Dipendeva da varie ed eventuali.  Mentre le mie amiche,  alle medie,  davano i primi baci,  i maschi mi chiamavano “orango tango in libertà”.  Eh,  sono mediterranea,  e a undici anni non te la fai la ceretta.  Zero tette,  sempre in tuta,  impedita in ginnastica e ricoperta di pelo.  Si insomma,  non il massimo.  Eppure non lo ricordo male quel periodo,  ero amica di tutti,  specialmente di quelli che mi davano dell’orango.  La prendevo a ridere,  mi divertivo a inseguirli,  a fingere di offendermi.  Per questo dico sfigata con stile.  Perchè avevo tutte le carte in regola della sfigata ma lo stile di essere autoironica e riderci su per prima.  All’epoca non ci pensavo,  mi veniva naturale,  ora invece credo che sia quel quid in più che tante volte nella vita mi ha fatto da cuscino.  Un po’ di sana autoironia.  Il non essermi mai presa troppo sul serio.  L’aver sempre pesato le parole,  positive e negative,  che mi vengono rivolte.  Perchè può esserci più affetto in un “orango”  che in un “sei bellissima”.  E questo,  evidentemente,  l’ho capito fin da piccola. 

Annina Botta 

Annunci

59 pensieri su “Il valzer dell’orango 

  1. Che tenerezza che mi hai fatto leggendo 🙂

    L’autoironia spesso e volentieri è l’unica cosa che ti consente di tirare avanti alla faccia di tutto e tutti.

    Ad esempio a me oggi un amico mi ha toccato la pancia e ha detto:

    – “Eh, i 2 kg messi su a Natale si vedono tutti”

    – “Macché, ho solo accumulato grasso per l’inverno” 😛

    Mi piace

  2. Sai, una volta ho conosciuto una ragazzina che ancora non si depilava le gambe. Credo che le piacessi, ma a me non andava proprio. Ora ci penso ancora talvolta e mi dispiace di essere stato così idiota e inesperto. Penso che scriverò quella storia prima o poi, inventando il suo nome, che non ricordo.

    Mi piace

      1. Chi si prende troppo sul serio prende anche troppo sul serio tutto il resto è non va bene…siamo attori sul palcoscenico della vita e preferisco l’ironia al dramma…😉

        Mi piace

      2. Sarebbe un sogno…io ci provo a mettere sempre in scena qualche storia di ordinaria follia ma qui sembra che siano tutti addormentati 😊 nella vita intendo…qui sul blog c’è un sacco di attori con cui fonderei volentieri una compagnia di spettacolo 😜

        Liked by 1 persona

      3. Pensa a quando non esisteva questa tecnologia che è in grado di far incrociare certe anime…è un’evoluzione che non può essere fermata e, anche se lontani, ci si ritrova…è meraviglioso 😊

        Mi piace

  3. molto bella e poi mi ci ritrovo in pieno! occhiali, faccia tonda, passavo dall’essere Charlie Brown al quattrocchi con velocità sorprendente. la frase che ricordo maggiormente è :all’asilo tutti belli, tu no! se ci penso rido ancora adesso che ho 38 anni,…l’autoironia è d’apprima uno scudo, poi diventa un’ottimo modo di vedere la vita!!

    Mi piace

  4. ridersi addosso…grande virtù, l’autoironia è anche umiltà , anche se si trattano temi importanti, sia nel reale che in rete: il giullare è una figura che mi ha sempre ispirato…

    Mi piace

  5. Anche io provengo dalle file degli sfigati (ma con stile come dici tu!!). Fondamentali l’autoironia e dei genitori che mi hanno sempre incoraggiata a non essere una pecorona. Oggi se mi guardo indietro mi viene da ridere a pensare a come ero, sempre con quei maglioni sformati (che chissà perchè adoravo!) e via dicendo, però mi rendo conto che è anche grazie a quell’essere sfigata che ho avuto lo spazio per coltivare la mia personalità e la mia indipendenza.
    Bel post 🙂

    Mi piace

  6. L’autoironia è davvero una bella cosa a cui, a differenza da te, sono arrivato gradualmente.Da bambino ero alto e magro e non certo caruccio perciò ero spesso preso in giro pure io. Ma, a queste prese in giro reagivo in modi diversi a seconda di chi le faceva.A quelle bonarie non reagivo perchè come hai detto spesso è solo un modo di dimostrare affetto.A quelle cattive rispondevo a tono. Una volta il primo giorno di scuola delle superiori una prof mi chiese con che voto fossi uscito dalle medie.Alla mia risposta -con ottimo- lei ribattè con un: tu?Con sta faccia? Ed io ribattei immediatamente con un : è bella le tua! Ecco…a volte essere meno irruento magari aiuta!

    Liked by 1 persona

      1. Però hai l’autoironia che compensa il resto! Ed è comunque un arma molto potente!Anche perchè attaccare uno che si prende in giro da solo diventa praticamente impossibile!

        Liked by 1 persona

  7. Io sto imparando a 30 anni suonati a capire che cos’è l’autoironia. Averlo scoperto prima mi avrebbe evitato un bel po’ di paturnie… Ma ognuno è fatto a modo suo ed il mondo è bello proprio per questo! O almeno così me la racconto…
    Comunque, volevo ringraziarti per essere passata dal mio blog e ti faccio i complimenti per il modo diretto che hai di scrivere, è davvero piacevole da leggere e penso che passerò spesso per dare un’occhiata.
    Buona giornata!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...